Turismo: riqualificazione e sostenibilità ambientale

Turismo: riqualificazione e sostenibilità ambientale

Turismo: riqualificazione e sostenibilità ambientale 1920 1080 Academy Immobiliare
In una realtà in cui il green e i criteri ESG assumono un ruolo sempre più preponderante, l’innovazione acquisisce spazio d’azione e molte sono le testimonianze sia all’estero sia in Italia.

 

Oltre confine, facciamo riferimento ad AO Hotels, una catena tedesca di ostelli lanciata nel 2000 e fondatrice di 39 strutture in Europa che, secondo quanto afferma Il CEO Oliver Winter, intende raggiungere un obiettivo ambizioso, ovvero quello di “diventare la catena di ostelli più verde d’Europa”.

La catena ad oggi produce emissioni inferiori del 75% rispetto ai competitors, con meno di 6kg di CO2 a pernottamento. Attraverso un investimento di 500.000 euro che racchiude differenti attività, l’obiettivo è quello di azzerare completamente le emissioni entro il 2025 per posizionarsi come prima catena di ostelli in Europa a zero emissioni.

La catena fino ad ora ha adottato differenti misure che hanno permesso loro di ottenere il certificato di sostenibilità “GreenSign” di livello 3 e 4 che certifica l’attuazione di tutti i criteri che un business sostenibile. Tra queste vi è l’uso di strutture già esistenti volte ad essere riqualificate e adibite in questo caso ad uso turistico.

Ma in Italia non siamo da meno. Stesso approccio, con peculiarità che lo rendono un case study nel panorama internazionale, è adottato dalla startup innovativa leader nel real estate lending crowdfunding in Italia Trusters srl, che ha appena concluso la prima fase di raccolta del progetto “Albergo Diffuso” nel cuore delle Dolomiti. Il modello, estremamente innovativo, è frutto di uno studio lungo e approfondito di Hara Abitare, società di sviluppo immobiliare che intende contribuire allo sviluppo della ricettività diffusa attraverso il recupero di strutture abitative mantenendo integrazione con l’ambiente, rispettando la tradizionalità e anticipando le esigenze future. In particolare, in questo caso, si basa sul recupero di alloggi previamente abbandonati nel Parco Naturale Adamello Brenta in Trentino, offrendo un nuovo modello di turismo fortemente green oriented e volto ad offrire al turista e alla comunità locale un’esperienza delle bellezze del territorio a 360 gradi, fondata sul concetto del wellbeing, esploso nella sua massima espressione.

Il progetto di riqualificazione territoriale, patrocinato dal Comune di Stenico, che prevede a breve la seconda fase di raccolta, adotta una classe energetica di tipo A+ e misure volte ad offrire ai turisti un’esperienza dove sostenibilità e benessere sono alla base.

In una realtà in cui il turismo è sempre più competitivo e innovazione e cambiamento sono requisiti fondamentali, il crowdfunding può essere adottato come strumento di finanziamento. Noi di Academy Immobiliare, nella nostra offerta formativa, abbiamo incluso un corso ad hoc improntato sull’offerta di un know specialistico nel settore real estate alberghiero e sulle potenzialità del crowdfunding.

Infine, sullo sfondo di un trend “green” sempre più in crescita, in Italia, dal 19 Maggio 2020 è stata introdotta l’incentivazione Superbonus 110% che permette il miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici, un tipo di richiesta sempre più elevata e che al tempo stesso genera confusione sulle modalità. Il tema verrà affrontato il 24 Marzo 2021 alle ore 18:00 nel nostro webinar “Luce sul Superbonus 110%”, attraverso la voce di esperti del settore che riveleranno tutti i vantaggi e le regole per beneficiare al meglio di tale misura.

Fonte: https://www.horecanews.it/ospitalita-green-ao-hostels-obiettivo-zero-emissioni-entro-il-2025/

Close Cart
Back to top